Archivio

Archivio Febbraio 2011

Amazon Studios is following you!

28 Febbraio 2011 Commenti chiusi

Riconosco di essermi emozionato quando ho scoperto che il manager di un concorso da 2,5 milioni di dollari si è accorto che ho parlato di loro e poi si è interessato al mio lavoro.

Insomma, c’è speranza!

Qui di seguito la lettera, con un editing minimo. A breve un altro post su uno dei vincitori di febbraio, e altre novità amazzoniche!

E voi sapete rispondere alle domande del nostro amico? B-DD

amazon studios logoHello Mr. Sorge,
I’m a product manager at Amazon Studios, and I saw the posting about your lecture at the International School of Comics:
I don’t speak Italian, but from the article and your blog, I gather that you are considering making a submission to the Amazon Studios. Of course, if our site is fitting for one of your projects, I’d be delighted to see it here.

I’m interested in how you heard about Amazon Studios, and whether you can recommend any European websites for their audiences of filmmakers, animators/illustrators, or screenwriters. For instance, is there a core Italian or European animation website for enthusiasts and professionals? Do animators you know also read US-based sites like Cartoon Brew or Animation World?
I’m not representing the company in any way, just chatting with an enthusiast in another country.
If you have any other thoughts about Amazon Studios, the contests, the website—I’m all ears. Thank you for your time.

(personal details)

Scrivi in inglese? Amazon ti premia!

9 Febbraio 2011 Commenti chiusi

La vostra capacità di scrittura vale 20 mila dollari? Potrete saperlo partecipando al concorso degli Amazon Studios, che per tutto il 2011 cercano script e film da premiare con fruscianti biglietti verdi.

Due le necessità: saper scrivere script e scrivere in inglese.

Attratto dal sogno di Hollywood e dai fiorini, la vil moneta (una delle tre F della nostra vita), ho deciso di partecipare anch’io, forte di storie mozzafiato, esperienza da vendere e bilinguità degne di un rettiliano Visitor.

Se volete partecipare anche voi, intanto guardatevi le guidelines e soprattutto leggetevi The Alchemist Agenda, uno dei due vincitori di gennaio. Io l’ho fatto e sono rimasto basito (radice celtica: italiano se all’infinito, dialettale altrimenti):  la struttura mi pare un colabrodo! Però ha vinto e ciò non depone a favore delle mie effettive possibilità di imitarlo (nulle) né delle mie capacità di approcciare la questione (vedi parentesi precedenti).

In quanto assolutamente privo di autocritica, mi cimenterò nientemeno che in una lunga lezione sull’Amazon Contest, di come sviluppare un progetto come questo, e con l’ausilio di quali strumenti on-line (gratuiti e non). Questa nuova possibilità di vendere scrittura sarà affiancata, nei miei sproloqui, dalle consuete questioni sugli e-book e sul self-publishing, argomenti ai quali passerò non appena il 50%+1 dei presenti si sarà assopito.

Di cotal dramma, che si terrà giovedì 10 febbraio dalle 15.30 alle 17.30 circa, saranno vittime gli studenti della scuola di scrittura creativa di Alda Teodorani, che spesso (video1 e video2; altri sul mio canale Youtube) ho afflitto con le mie deliranti prolusioni. L’imperdibile evento sarà parzialmente on-line, dei di internet permettendo, grazie ad imperdibili strumenti alchemici.