Home > Cinema, Spettacoli > Asteroidi a Trieste

Asteroidi a Trieste

5 Dicembre 2012

Bruce Willis alieno a Trieste? Non esattamente! L’anteprima nazionale di Looper, con Joseph Gordon-Levitt e Bruce Willis, apre oggi Trieste Science+Fiction, il Festival Internazionale della Fantascienza che si terrà dal 5 al 9 dicembre nei centralissimi spazi della Sala Tripcovich e della Casa del Cinema.
Filmakers indipendenti da tutto il mondo si contenderanno tre riconoscimenti: il Premio Asteroide per il miglior lungometraggio di fantascienza, il Méliès d’Argento e il Premio del pubblico.

2.807 clic in 38 ore
Al momento della pubblicazione di questo post, il contatore del blog indicava 169.551 visite.

Il bacio delle dannate
Finalmente una donna ai confini della fantascienza! Kiss of the Damned di Xan Cassavetes, una sorprendente storia di vampiri che rende omaggio al cinema di genere italiano. Un altro figlio d’arte, Brandon Cronenberg, presenta il suo esordio, Antiviral.
In concorso anche l’esilarante monster movie irlandese Grabbers di Jon Wright; Resolution, opera prima degli indipendenti americani Justin Benson e Aaron Scott Moorhead; la zombie comedy di ambientazione londinese Cockneys vs. Zombies (Matthias Hoene); inoltre l’anteprima del post-apocalittico The Divide del francese Xavier Gens; l’attesissima anteprima di [Rec]³ Génesis di Paco Plaza; Errors of the Human Body (Eron Sheean), il costo del progresso in una controversa ricerca genetica; Baikonur di Veit Helmer, ambientato attorno al più antico cosmodromo del mondo nel Kazakistan e supportata dal commento musicale di Goran Bregovic, e infine The Butterfly Room, co-produzione italo-americana firmata da Jonathan Zarantonello con il ritorno sul grande schermo di Barbara Steele, leggendaria regina delle scream queens.
Fuori concorso, il film a episodi The Fourth Dimension (Kwiecinski, Fedorchenko e Korine), il trittico coreano Doomsday Book (Jee-woon e Pil-sung) e John Dies at the End, fantascienza psichedelica per la regia del “master of horror” americano Don Coscarelli, prodotto e interpretato da Paul Giamatti.

In chiusura il cinema d’autore di Leos Carax: Holy Motors, con Eva Mendes, Kylie Minogue, Michel Piccoli, Denis Lavant.

Per i fumetti segnaliamo l’incontro dedicato ad Alfredo Castelli e la mostra su l’Audace Bonelli; tra le tante iniziative, la tavola rotonda per il 60esimo anniversario della rivista Urania.

I commenti sono chiusi.