Archivio

Post Taggati ‘libro’

Mortadella di Capponi

13 Maggio 2013 Commenti chiusi

Se vuoi sapere qualcosa su un argomento devi provare a scrivere un libro. E un’idea che mi piace moltissimo e so che una guida, un manuale, aiuta. Di guide utili, ma leggibili come romanzi, ce ne sono poche. E leggerle è piacevole per chiunque voglia passare alcune ore in modo diverso dal solito, aprendo porte su stanze nuove dove passare qualche ora in modo piacevole; se possibile, imparando qualcosa di interessante.
Una di queste guide è Una pura questione di mortadelle – Saggio d’eresia storica, Bietti 2012. Se volete sapere con sintesi ed arguzia come scrivere un saggio, questo è il libro che fa per voi. Di lavori dello stesso tipo ne leggo e sfoglio diversi, ma questo è particolare.
Ne è autore Niccolò Capponi, fiorentino, norcino, divulgatore storico, professore e conte, probabilmente in questo esatto ordine. Niccolò è un personaggio notevole. L’ho conosciuto alla presentazione romana di quello che definirei un libro dal titolo sforzato (ma dai contenuti interessanti), pubblicato per un piccolo editore (che ben conosco: si veda in fondo al post).
Per gran parte, la “Mortadella” si attaglia a saggi di qualsiasi argomento. Ma non è generico: il suo specifico è sui saggi di storia inclusiva, quella il cui scopo è sì informare, ma anche intrattenere. Il testo è diviso in due sezioni: prima un breve saggio (circa 130 pagine), poi una fiction di storia inventata (70 pagine), ad intrattenere il lettore e a mostrare come si possa confezionare un altro tipo di prodotto editoriale. Non ho ancora letto la seconda parte: magari attendo che il sito di Capponi sia nuovamente on-line.

Al momento della pubblicazione di questo post, il contatore indicava 204.162 visite

Niccolò Capponi ha pubblicato diversi libri con il Saggiatore: Lepanto 1571 (2008), La battaglia di Anghiari (2011) e Il principe inesistente. La vita e i tempi di Machiavelli (2012), anche tradotti in inglese. Competenze supplementari
Annoto ora alcune cose che impreziosiscono l’esperienza di lettura delle “Mortadelle”.
1) La differenza tra accademia, ostentazione, erudizione, cultura e compilazione è spiegata (ed esemplificata) frequentemente e con gran leggerezza;
2) l’autore si rivolge spesso al lettore, direttamente o quasi, e anche questa è una piccola eresia (che a me, se ben fatta, è sempre piaciuta);
3) la “competenza supplementare” citata nel titoletto. Per me è bello che vengano fatti esempi ed osservazioni con riferimenti culturali non casuali, bensì facenti parte di uno stesso corpus. Nell’Eresia ce ne sono addirittura due: uno, le mortadelle, è dichiarato già nel titolo; un secondo è usato in ogni dove, ed è la competenza nelle armi. Ma la parte bella, vi confesso, è che lo fa ma non lo dice mai. (Nella presentazione pubblica sì: Niccolò ha “chiesto scusa” per i suoi riferimenti militari, ad armi e disposizioni; nel testo non mi pare).

Disclaimer #1. Sono rimasto talmente affascinato (e sovrastato) da questo mio coetaneo da avergli chiesto se volesse rileggere un mio romanzaccio storico in perenne riscrittura.

Disclaimer #2. A suo tempo pubblicai con Bietti un racconto di ucronia, La Bela del Birù. Un altro mio racconto finì in un’altra antologia della quale si persero le tracce prima della pubblicazione.

Un elenco dei miei post principali sull’editoria (cartacea ed elettronica) è pubblicato qui.

Apple, il vero boom

31 Dicembre 2012 Commenti chiusi

Sapete qual è il prodotto migliore di Steve Jobs? Tranquilli, non lo sapete e non è tecnologico: è la catena di negozi al dettaglio Apple Store. Come e perché ve lo dice Antonio Dini(nella foto di copertina del post), in un racconto che spiega come la tecnologia non sia mai la parte più forte del mondo. Non-luogo Apple è breve e si legge d’un fiato: respiratelo anche voi!

Qualche piccolo effetto "social" c'è, alla fin fine! B-)

"Non-luogo Apple" come integrazione alla biografia ufficiale

Ideale per chi vuol davvero capire come si fa business anche nel mondo apparentemente digitale, e come fare start-up a 360 gradi in un mondo nel quale spesso si pensa che un’app o un sito web siano tutto nella vita.

Adesso rubo la scena ad Antonio e passo ad altro. Oltre a parlarne, di e-book ne faccio anche. Venite a scaricare gratuitamente le proposte di e-Brooks, il sito dove insieme ad alcuni autori ci riproponiamo, nientemeno, di ripensare la catena di creazione del valore ora che c’è il digitale, senza limitarci a ripetere gli errori del passato. Aiutaci a farcela!

Scarica gratuitamente Mai più Maya di Marco Casolino

Scarica gratuitamente Gamifying Mr. President di Marco Minicangeli

Entra nel mondo di Aztechi Templari, di Leo Sorge

Tutto quello che so sui libri elettronici

Qui di seguito ecco i post sugli ebook pubblicati su Sftech negli ultimi due anni. Sono ricchi di video, interviste, numeri, scambi con i protagonisti. E sono ancora attuali: provar per credere!

4.099 clic in 408 ore Prosegui la lettura…

Fiumi di lettori

7 Novembre 2012 Commenti chiusi

I libri sono vecchi? Forse ancora non li conosciamo. E’ possibile sfruttare molto meglio il materiale in romanzi e saggi, come tante lezioni ci stanno insegnando: crowdfunding in primis, ma anche il corretto sfruttamento di blog e siti, di Twitter e Facebook, di Foursquare e Pinterest. Il caso eBrooks.

Lettori: rigagnoli da far diventare fiumi
Non chiamateli social media, chiamateli media ed imparate ad usarli. Non chiamateli ebook, chiamateli libri ed imparate ad usarli. L’editoria odierna già usava i media in maniera disorganica: oggi che ci sono più canali ed infiniti linguaggi la situazione è peggiorata. Piccolo o medio che sia, l’editore prova a fare in digitale quello che ha fatto finora su carta, risparmiando i costi della carta (e il relativo rischio imprenditoriale) ed ottenendo condizioni di distribuzione on-line leggermente più vantaggiose rispetto al passato. Ma non serve a molto, perché la frammentazione dell’audience è a grana fine e va assecondata per competere su un mercato vivo, anche cartaceo ma principalmente digitale.

1.283 clic in 216 ore
Prosegui la lettura…

Arcana Historia

19 Agosto 2012 Commenti chiusi

Quei segreti non esistono, e comunque bisogna evitare che la storia si confonda con la cronaca. Cento documenti originali finora conservati nell’Archivio Segreto Vaticano e ora disponibili in piena luce danno nome all’esposizione Lux in Arcana. Il nome stesso di questo archivio fa tremare storici e romanzieri, per gli incredibili segreti che si dice ci siano conservati. “Quei segreti non esistono”, m’ha assicurato Pier Paolo Gentili, uno dei tre ricercatori (con Marco Maiorino e Gianni Venditti) che hanno sviluppato la parte scientifica dell’esposizione.
Lux in Arcana è una mostra imperdibile: veder scorrere tempo, geografia e tecnologia nelle cento pagine esposte è una emozione veramente grande.

4.137 clic in 466 ore
Prosegui la lettura…

Affrettatevi!

19 Aprile 2012 Commenti chiusi

Nell’immagine Mondi Incantati, una delle antologie dei racconti finalisti del Rill.Ultimi giorni per partecipare al XVIII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico, uno dei principali premi italiani dedicati a racconti fantasy, horror, di fantascienza e, in generale, a tutte le storie che siano, per trama o personaggi, al di là del reale e del verosimile.

Le iscrizioni al concorso sono state prorogate sino al prossimo 30 aprile: orsuvvìa, passare il fine settimana a scrivere! Qui le info.

Al momento della pubblicazione di questo post, il contatore segnava 128.180 clic.

Prosegui la lettura…

Saviano contro Cosenza

8 Febbraio 2012 Commenti chiusi

L’ e-ditoria italiana spinge forte sugli e-book. L’estrema reticenza degli editori tradizionali nel dichiarare le copie effettivamente vendute impedisce di creare un’economia sostenibile lavorando su tutti i libri. L’e-book potrebbe sovvertire il fenomeno negativo, come è già successo con iTunes nella musica e come succederà a breve con i modelli 3D per la stampa di oggetti (ma questa è un’altra storia).

660 clic in 120 ore
Prosegui la lettura…

Kipple, è boom su Amazon

28 Gennaio 2012 Commenti chiusi

Kipple edizioni è andata in testa a tutte le classifiche di vendita di e-book non appena è partito Amazon.it, il sito di vendita on-line di testi in formato digitale. Propongo qui un’analisi dei dati di vendita reali, assolutamente confrontabili con quelli di Neil Ostroff, che però si muove sull’ampio mercato anglofono.

(Nell’immagine, tre dei successi di Kipple: il Gatto di Kremo, il Sogno di Verso e gli Organi di Teodorani).

1.260 clic in 260 ore
Prosegui la lettura…

XZF: ZetaFestival X

20 Gennaio 2012 Commenti chiusi

Giancarlo Rolandi, Enrico Miele, Alberto Farina, Tino Franco, Leo Sorge e Francesca Fialdini

Giancarlo Rolandi, Enrico Miele, Alberto Farina, Tino Franco, Leo Sorge e Francesca Fialdini

Festeggiano dieci anni gli Z-movie, inventati da Gianluca Russo come serata tra amici e poi diventati un vero e proprio festival, tenuto in un teatro vero.

(editato il 28 gennaio)
Qui i risultati
Qui la cronaca
Credete a me, dieci anni sono tanti ed hanno un valore. Prosegui la lettura…

Amazon.com: vendere ebook

16 Gennaio 2012 Commenti chiusi

Vendere 2.000 eBook su Amazon? Neil l’ha fatto. So che alcune storie citano un milione di copie vendute, ma quei risultati non sono raggiungibili da tutti, mentre questi sì (se puoi pubblicare in inglese) o comunque sono avvicinabili (se scrivi in italiano).

Neil Ostroff è un autore statunitense recentemente passato all’attività di promozione e vendita online. I suoi romanzi sono venduti a 1-2 dollari e partecipano alle promozioni di Amazon (gratuità per alcune categorie di utente). L’ho virtualmente incontrato in un gruppo di LinkedIn che frequento ed essendo l’unico del gruppo che fa nomi e numeri mi sono subito incuriosito.
In particolare la sua esperienza su Amazon mi sembra rilevantissima. In Italia la piattaforma è stata lanciata da poco e i primi risultati sono stati sorprendenti: ne parlerò in un prossimo post. Prosegui la lettura…

Grikon!

16 Novembre 2011 Commenti chiusi

Chi ha ucciso Oomiya e Kobayashi, realizzatori della “serie maledetta” Grikon V? L’esplosione del garage di Tokyo proietta Adriano, storico italiano, in questo thriller nel Giappone d’oggi e nei meandri della Seconda guerra mondiale, tra otaku, fazioni da sempre contrapposte, ragazze travestite come personaggi degli “anime” e scoperte da Nobel nella fisica quantistica.
E che c’entrano i terribili esperimenti dell’Unità 731, sull’isola di Hashima?

(Update) Acquista su Cooper o su Amazon Prosegui la lettura…